Politiche linguistiche e linguistiche aplicade

La normative e lis politichis di tutele de minorance linguistiche furlane e di valorizazion e di promozion de sô lenghe a son stadis metudis adun, massime de bande de Regjon Autonome Friûl-Vignesie Julie, daûr di une logjiche di planificazion e di normalizazion linguistiche, in linie – almancul sul plan teoric – cun altris esperiencis inviadis ancjemò prime inaltrò in Europe, de Catalogne al Gales e al Paîs Basc.

Cu la Leç Regjonâl 15/1996 si à cjatade la soluzion ae cuistion de grafie: di passe vincj agns la lenghe furlane e à la sô grafie uficiâl che si le dopre sei pe varietât standard di riferiment che par chês locâls, cemût che al è stât confermât ancje cu la  Leç Regjonâl 29/2007.

Cul prin proviodiment regjonâl ad in plen dedicât al furlan, che tal articul 10 al sclarìs che l'obietîf de azion regjonâl al è «il disvilup de lenghe furlane tant che codiç linguistic valevul par dutis lis situazions de vite moderne e, in particolâr, che si lu puedi doprâ cui mieçs di comunicazion sociâl», la Aministrazion regjonâl si veve indotade di un ufici di pueste pe tutele di dutis lis minorancis linguistichis dal Friûl e di Triest e di un organisim specific pe planificazion de politiche linguistiche pal furlan, l'OLF (Osservatori regjonâl su la lenghe e la culture furlanis), che tal 2004 al è stât stramudât inte ARLeF.

La comunitât furlane si è indotade di imprescj fondamentâi par doprâ e promovi la sô lenghe, dai dizionaris tant che il GDTB (Grant Dizionari Bilengâl Talian Furlan) e chel dal centri di Linguistiche Aplicade Agnul Pitane (CLAAP) ai coretôrs ortografics e ae tastiere furlane fintremai ai plateforme didatiche Lenghis, al centri di docuementazion didatiche Docuscuele, intant che al è daûr a jessi completât il sisteme di Certificazion des competencis linguistichis in lenghe furlane, daûr dal Cuadri comun european di riferiment prontât dal Consei de Europe.