Scuola e Università

Con l'entrata in vigore della L.R.15/1996 e successivamente della Legge 482/1999 e del suo Regolamento di attuazione, il D.P.R. 345/2001, la lingua friulana ha trovato ufficialmente spazio nelle scuole. Nonostante l'obiettivo dichiarato della legge statale preveda - almeno nelle scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado - l'insegnamento e l'apprendimento delle lingue delle minoranze linguistiche storiche e la messa a disposizione da parte della Regione di contributi specifici a favore delle istituzioni scolastiche, la presenza del friulano nell'offerta formativa è purtroppo ancora precaria e tendenzialmente "sperimentale". In tale contesto sono stati avviati numerosi progetti didattici, soprattutto nelle scuole dell'infanzia e in quelle primarie.

Nelle scuole secondarie di secondo grado la presenza della lingua friulana è ancor più limitata, poichè non viene garantita dalla legge, anche se sono in corso progetti sperimentali di buona qualità il cui impatto sta gradualmente crescendo, grazie alle attività congiunte di un gruppo di insegnanti, anche con la collaborazione del CIRF, nell'ambito della rete La Lavagne Plurilengâl. Nelle scuole secondarie di primo e di secondo grado si sperimentano anche attività di CLIL.

La lingua e la letteratura friulane sono già da tempo oggetto di insegnamento (in italiano) presso le università di Udine e di Trieste. Nel 1995 l'Università di Udine si è dotata di un Centro interdipartimentale specifico, il CIRF, che ottemperando a quanto previsto dalla legge istitutiva dell'Ateneo, è impegnato in diverse iniziative di ricerca, didattica e formazione linguistica. Durante il suo primo quarto di secolo di vita ha organizzato corsi di formazione e aggiornamento in lingua friulana per giornalisti, traduttori, lessicologi e insegnanti, continuando a realizzare corsi per i dipendenti delle Amministrazioni Pubbliche e per gli studenti.

L'Università di Udine ha organizzato anche altre iniziative formative specifiche per gli insegnanti: un Corso di 400 ore di formazione e aggiornamento per insegnanti "di" e "in" lingua minoritaria (friulano, sloveno e tedesco) e un Corso di aggiornamento / Master di II livello "Insegnare in lingua friulana", di 800 ore.