CIRF - Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Cultura e la Lingua del Friuli

Centro Interdipartimentale per lo sviluppo della lingua e della cultura del Friuli “Josef Marchet

Cjalant il Friûl/ Sguardi sul Friuli

Presentazione della pubblicazione a cura di Priscilla De Agostini e Silvana Schiavi Fachin, Forum Editrice, 2011

Presentazione del volume

"Cjalant il Friûl/ Sguardi sul Friuli.

Pensieri e opinioni attorno ai luoghi comuni della lingua friulana"

a cura di Priscilla De Agostini e Silvana Schiavi Fachin

venerdì 1 luglio 2011, alle ore 19.00, Corte di Palazzo Morpurgo, Udine

 

La pubblicazione è stata realizzata per conto del Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla cultura e la lingua del Friuli (CIRF) dell'Università degli Studi di udine, grazie ai fondi della L. 482/99.

___________

Insegnare il friulano nelle scuole a cosa serve? I bambini non fanno poi confusione con altre lingue? Non sarà più utile insegnargli l’inglese? Ma davvero il friulano standard fa morire la varietà? Quanti sono i soldi spesi per la tutela della lingua friulana? Insistere sulle lingue locali non è da provinciali?

Alcuni ‘luoghi comuni’ sulla lingua friulana, selezionati e raccolti dalla stampa locale e nazionale, diventano oggetto di riflessione per quindici personaggi illustri legati al Friuli per la loro storia personale e professionale: Tullio De Mauro, Nereo Perini, Eleanor Callanan, Pierluigi Cappello, Novella Cantarutti, Adriano Ceschia, Lucija Čok, Valter Colle, Lorenzo Fabbro, Furio Honsell, Xavier Lamuela, Domenico Lenarduzzi, Carlo Puppo, Sergio Salvi, Leonardo Zanier. Dal confronto fra le varie opinioni e sensibilità, caratterizzate da una profonda conoscenza dei problemi e da un’attenta riflessione, nasce un documento che invita il lettore ad una interessante analisi e approfondimento non solo sui singoli argomenti affrontati ma ancor più sulla necessità di elaborare e promuovere un programma educativo delle lingue davvero innovativo, volto a sviluppare un plurilinguismo effettivo ed efficace per i cittadini di quest’area di frontiera, laboratorio linguistico privilegiato nel cuore dell’Europa. Il libro è corredato dalle biografie dei protagonisti dell’inchiesta e da una ricca bibliografia e sitografia utili per approfondire i temi trattati.